L’ottava stagione di “Game of Thrones” arriverà nella primavera del 2019

L’ultima stagione della serie tv fantasy “Game of Thrones”, ispirata ai romanzi di George R.R. Martin, debutterà finalmente ad aprile 2019

Il conto alla rovescia per la stagione finale di Game of Thrones” può iniziare ufficialmente. HBO ha annunciato martedì che l’ottava e l’ultima stagione debutterà ad aprile 2019. Sono passati ormai 20 mesi dalla settima stagione dello show, che si è svolta ad agosto 2017.

Non è stata fissata una specifica data per la prima, ma l’annuncio di aprile continua a seguire la tendenza di HBO a restringere la finestra per il ritorno dello show (e continuando a creare anche aspettative per questo). A gennaio, HBO ha annunciato che Game of Thrones” sarebbe tornata nel 2019; a luglio, il capo della programmazione Casey Bloys ha detto che la prima sarebbe stata nella prima metà dell’anno.

L’ottava stagione avrà una durata di sei episodi, uno in meno rispetto alla settima stagione, e ciascuno potrebbe durare fino a 90 minuti.

La data della prima prevista per aprile renderà anche Game of Thrones” eleggibile per gli Emmy del 2019. La settima stagione ha portato a casa nove premi, incluso quello per migliore serie tv drammatica.

L’annuncio è stato realizzato sotto forma di video che trasmetteva il lancio di una campagna per l’ultima stagione chiamata #ForTheThrone. Il video, con tutti i momenti salienti delle sette stagioni (compreso il matrimonio rosso e l’attacco di fuoco selvaggio di King’s Landing), promette audacemente:

Ogni battaglia, ogni tradimento, ogni rischio, ogni combattimento, ogni sacrificio, ogni morte; Tutto per il trono. 

La settima stagione di Game of Thrones” ci ha lasciato con Westeros sull’orlo della sua guerra più letale. Jon Snow (Kit Harington), Daenerys Targaryen (Emilia Clarke), Tyrion Lannister (Peter Dinklage) e altri personaggi leggendari all’interno della serie sono stati in grado di mettere da parte le loro differenze e lavorare insieme per combattere un nemico comune: l’esercito dei morti, guidato dal malvagio re della notte. La loro dimostrazione di unità potrebbe rivelarsi troppo piccola, troppo tardi; nella scena finale della settima stagione, i White Walkers irrompono nel grande Muro di Westeros, lanciando finalmente la loro marcia sui Sette Regni, con un drago di ghiaccio zombificato al seguito.

Quel che è peggio è che gli eserciti dei vivi non sono ancora in pace gli uni con gli altri, nonostante i passi da gigante in quella direzione; un esempio è Cersei Lannister (Lena Headey), che si rifiuta di mettere da parte il proprio interesse personale per il bene della sopravvivenza della specie. Verso la fine della settima stagione, Cersei annuncia le sue intenzioni di assumere una compagnia mercenaria per distruggere le forze combinate di Stark e Targaryen. Il Re della Notte rappresenta la più grande minaccia al momento, sarebbe un grave errore, quindi, scontare la meschinità mortale di Cersei.

Supponendo che uno qualsiasi degli eroi sopravviva alla prossima stagione finale, non si sa chi arriverà sul Trono di Spade. Il finale della settima stagione ha finalmente confermato la vera identità di Jon Snow, figlio di Rhaegar Targaryen e Lyanna Stark, il che probabilmente gli conferisce la più grande pretesa al trono per diritto di nascita, ma il destino non significa nulla nel mondo di Game of Thrones”. Chiedetelo, infatti, a Stannis Baratheon.

Il finale di stagione sarà caratterizzato da una squadra di registi veterani: Helmers David Nutter (episodio Piogge di Castamere”) e Miguel Sapochnik (episodio Aspra Dimora”). Inoltre, lavoreranno anche i creatori David Benioff e Dan Weiss. Si dice che la stagione finale sarà caratterizzata da un episodio contenente la più grande sequenza di battaglia nella storia della serie. Per quanto riguarda le note finali della storia, l’autore del ciclo di romanzi Cronache del ghiaccio e del fuoco” George RR Martin ha promesso da tempo che la storia finirà con una nota “agrodolce”. Prepariamoci di conseguenza quindi: le lacrime, proprio come l’inverno, stanno arrivando.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Planet Mobile Italia è anche sui social. Non dimenticatevi di seguirci sui nostri canali  FacebookGoogle PlusInstagramTwitter e Telegram per non perdere neanche un articolo.