Ecco perché Doctor Strange potrebbe essere ancora vivo dopo “Avengers: Infinity War”

Lo Stregone Supremo, Doctor Strange, potrebbe essere sopravvissuto allo schiocco di dita di Thanos, avvenuto in “Avengers: Infinity War

Mentre aspettiamo che vengano rivelati alcuni dettagli ufficiali di “Avengers 4″, possiamo lavorare su teorie che si basano su indizi tratti dai precedenti film Marvel Cinematic Universe per spiegare come si svilupperà Avengers 4″. 

Una delle teorie riguarda il ruolo di Doctor Strange nel conflitto tra gli eroi MCUThanos (con il suo divino guanto dell’infinito). Nello specifico, questa teoria afferma che contrariamente a quello che i nostri occhi potrebbero aver visto nell’ultimo film degli Avengers, Strange in realtà potrebbe non essere morto dopo lo schiocco di dita di Thanos. 

Nel suo film dedicato, “Doctor Strange” (2016), c’è una scena in cui lo Stregone Supremo e l’Antico conversano in forma astrale. Proprio in questa scena l’Antico afferma che non importa quanto Strange possa guardare attraverso il tempo, non potrebbe mai vedere oltre ciò che sta avvenendo in quel momento, come per esempio la sua morte. Questa constatazione porterebbe a credere che sia impossibile vedere un futuro dopo la propria morte. Pertanto, sarebbe stato impossibile per Strange vedere i 14.000.695 futuri in “Avengers: Infinity War”. Questo, quindi, ci dimostra che in realtà lo Stregone Supremo potrebbe non essere mai morto durante il film, ma si potrebbe anche pensare che i fratelli Russo abbiano sorvolato questo dettaglio chiave e che quindi Strange sia morto insieme alla metà dei supereroi MCU. 

Questa teoria potrebbe sostenere, anche, l’idea che le anime, in realtà, siano state intrappolate nella pietra dell’anima, perché se l’anima dello Stregone Supremo vivesse potrebbe essere ancora in grado di vedere il futuro oltre la sua morte.  

E voi che cosa ne pensate di questa teoria? Doctor Strange sarà davvero ancora vivo? Fatecelo sapere nei commenti! 

  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Planet Mobile Italia è anche sui social. Non dimenticatevi di seguirci sui nostri canali  FacebookGoogle PlusInstagramTwitter e Telegram per non perdere neanche un articolo.