E se Huawei Mate 30 Pro fosse così?

Spread the love

In attesa dell’arrivo di dettagli ufficiosi su Huawei Mate 30 Pro, possiamo goderci un interessante video concept che lo vede protagonista.

La presentazione di Huawei P30 e P30 Pro ha stupito praticamente tutti. Il migliorato comparto fotografico per entrambi i modelli, la componentistica hardware e il design leggermente rivisitato hanno portato i fan del mondo della telefonia ad apprezzare il lavoro compiuto dalla casa cinese. Ma, nonostante il successo di questi due smartphone, il 2019 per Huawei non è ancora terminato.

Restando coerente con gli ultimi anni, infatti, la multinazionale cinese dovrebbe presentare verso la fine del periodo estivo un nuovo top di gamma, appartenente alla serie Mate, per il quale le informazioni scarseggiano.

L’ipotetico Huawei Mate 30 Pro, dovrebbe riprendere delle linee hardware viste in P30 Pro, presentando un comparto fotografico ulteriormente migliorato, un design unico e distinguibile – come fatto con Mate 10 Pro e Mate 20 Pro – e una batteria molto capiente. Passando oltre a queste ipotesi, però, le conferme sulla sua esistenza sono minime. Per venirci incontro facendoci sognare per un po’, arriva il canale YouTube di Science and Knowledge che ha recentemente pubblicato un video concept relativo a questo smartphone.

Nel video, i grafici mettono molto in evidenza l’assottigliamento dei bordi portando così l’introduzione di una fotocamera a foro molto piccola, in stile Samsung Galaxy S10. Sul retro, le fotocamere passano da tre a cinque collocate orizzontalmente allineate al flash. Focalizzandoci sul profilo tecnico, il canale ipotizza la presenza di 10/12 GB di RAM (decisamente assurdi) e di una memoria di archiviazione che potrebbe arrivare fino a 1 TB. Il display, infine, sarebbe un SuperAMOLED da 6,39 pollici Infinity O Display.

Il video forza volontariamente ciò che potrebbe essere il dispositivo, facendo sognare gli appassionati e alimentando l’hype per esso. D’altra parte, difficilmente vedremo un dispositivo così perfetto…ma come si suol dire “la speranza e l’ultima a morire”.