Recensione di “Harry Potter: Hogwarts Mystery”: Magia portatile!

Sugli store mobile è approdato il gioco tanto atteso di Harry Potter, un semi RPG che incanterà fan e non del magico mondo del maghetto occhialuto. Venite a scoprire la nostra recensione!

Quello che succede ad Hogwarts rimane ad Hogwarts!

Hogwarts Mystery è sbarcato su dispositivi Android ed iOS e si propone come gioco di ruolo in terza persona incentrato sul punta e clicca, basato sul mondo di Harry Potter. Come verremo a sapere dai primi minuti, la trama di gioco farà da ponte agli avvenimenti compresi tra l’attacco del Signore Oscuro ai genitori di Harry, quest’ultimo  tratto in salvo da Hagrid, e il primo anno del maghetto conosciuto in tutto il mondo. Nel mezzo ci siamo noi, una matricola del primo anno la quale ha la reputazione di aver avuto un fratello ribelle il quale probabilmente si è unito a Voldemort. Dovremmo riscattare l’onore della famiglia portando la casata scelta al primo posto alla fine dell’anno e crescere come mago cercando nostro fratello.

Senza fare cenno ulteriore della trama, il gioco riuscirà a trasporre tutta la magia del mondo di Harry Potter direttamente dal telefono, attraverso ambientazioni e personaggi ormai ben noti e riconoscibili. I personaggi secondari sono ben caratterizzati, a partire da Rowan, il primo amico che incontreremo durante il gioco. Immancabile  il classico Serpeverde che ci renderà la vita impossibile, stavolta incarnatosi in Merula, una ragazza che è intimorita dalla bravura del nostro protagonista.

Il punta e clicca di Harry Potter

Il gioco si presenta come un punta e clicca con tratti RPG, difatti la prima cosa che faremo appena avviato il gioco sarà personalizzare e dare un nome al nostro protagonista. Il gioco si struttura attraverso diverse caratteristiche, frequenteremo le lezioni ed impareremo incantesimi e pozioni, l’azione effettuata durante le lezioni sarà quella di cliccare sugli oggetti e consumare dei punti vita, atti a sviluppare dialoghi o situazioni per farci giungere ad imparare una nuova funzionalità, essa sbloccabile tramite una ripetizione di simboli sullo schermo oppure risposte a dei quesiti.

La pecca del gameplay risiede proprio nei punti vita associati alle missioni, essi risultano pochi per compiere le azioni necessarie al superamento delle quest, facendo rimanere il giocatore molto spesso in balia di una attesa estenuante dovuta al continuo ricaricarsi di tali punti. Inoltre le missioni potranno risultare alla lunga ripetitive, non lasciando un monito al giocatore nel continuare la storia.

Ben gestiti sono i dialoghi con gli amici o i rivali, funzionando molto bene e permettendo diverse scelte al giocatore dovute all’esperienza maturata in tre rami: Coraggio, Empatia ed Ingegno, ogni ramo verrà sviluppato in base alle ricompense che si deciderà di acquisire durante le missioni principali o le lezioni. Ben gestita è l’esplorazione della scuola di magia, si potranno visionare ed esplorare tutti i luoghi più famosi di Hogwarts. Gli elementi di personalizzazione risultano variegati e ben implementati nella struttura di gioco.

Una magia per gli occhi

Gli sviluppatori di Jam City hanno fatto un lavoro certosino per quanto riguarda il comparto tecnico. Ogni luogo è riconoscibilissimo e pieno di dettagli, così come ogni personaggio noto come Piton, Hagrid, Silente e via dicendo. La grafica risulta così curata e pulita. Il gioco risulta essere molto colorato, ciò fa immergere il giocatore ancora di più nel mondo incantato.

Le musiche si sposano bene con l’ambiente di gioco, anche se a volte possono risultare ripetitive, gli effetti sonori, invece, risultano ben dosati ed inerenti all’azione compiuta. Il parlato è assente, ogni dialogo è sottotitolato, le voci dei personaggi sono così sostituite da versi e/o parole di significato nullo ricordando molto le iterazioni viste in “The Sims”, un peccato visto che con un doppiaggio in inglese l’immersione sarebbe risultata molto più appagante.

Conclusione

“Harry Potter: Hogwarts Mystery” è un successo già annunciato, un gioco per smartphone molto atteso e richiesto dai fan, il quale ha fatto raggiungere la vetta di Appliczione più redditizia per iOS e Android, con oltre un milione di download sul Play Store nel giro di poche ore.

Gli sviluppatori si Jam City sono passati da giochi meno impegnativi allo sviluppo di questo RPG con licenze Warner, riuscendo nell’impresa di portare la magia del mondo incantato di Harry Potter su smartphone. Molti sono i pregi ma altrettanti i difetti, in primis la ripetitività e le poche azioni da svolgere con i punti vita se non si effettuano acquisti in App. Il gioco rimane comunque godibile sia per i fan che per i giocatori occasionali, riuscendo a far immergere l’utenza nel gioco con trovate geniali e divertenti .

Prezzo e disponibilità

“Harry Potter Hogwarts Mystery” è disponibile su Apple Store e Play Store dal 24 Aprile 2018. Il gioco è gratuito e contiene acquisti in App. Il gioco funziona tramite internet, quindi può richiedere l’utilizzo della connessione dati o wi-fi.

Harry Potter Hogwarts Mystery

Harry Potter Hogwarts Mystery
78.75

Storia

8/10

    Grafica

    9/10

      Audio

      8/10

        Gameplay

        7/10

          Pros

          • Grafica curata ed immersiva
          • Storia originale
          • Dialoghi e personaggi ben costruiti
          • Punta e clicca funzionale...

          Cons

          • ...ma ripetitivo
          • Mancanza di un doppiaggio
          • Punti vita facilmente esauribili
          •  
          •  
          •  
          •  
          •  
          •  
          Planet Mobile Italia è anche sui social. Non dimenticatevi di seguirci sui nostri canali  FacebookGoogle PlusInstagramTwitter e Telegram per non perdere neanche un articolo.

          About Stefano Molinari

          "La cosa più preziosa che puoi fare è un errore: non imparerai mai nulla dall'essere perfetto." - Elon Musk

          View all posts by Stefano Molinari →