Warning: call_user_func() expects parameter 1 to be a valid callback, first array member is not a valid class name or object in /home/mhd-01/www.planetmobileitalia.it/htdocs/wp-content/plugins/cache-enabler/inc/cache_enabler.class.php on line 1619
Sito planetmobileitalia.it – Un nuovo sito targato WordPress

Nuovi rumor vanno ad arricchire Meizu E3 di dettagli

Nuovi rumor vanno a completare l’ipotetico design di Meizu E3 aggiungendo piccoli dettagli e preparandoci alla sua presentazione.

Meizu è adesso al centro dell’attenzione del mondo della telefonia. Dopo il recente annuncio dell’arrivo della certificazione Google sui device Meizu 15, 15 lite ed E3, i rumor sono diventati ancora più aggressivi rivelando ulteriori dettagli su quest’ultimo. Meizu E3, dopo essere apparso in diverse immagini lasciate trapelare da SlashLeaks, va adesso a farsi sempre più reale con una serie di nuove immagini che ci mostrano anche le sue cornici laterali e quella inferiore:

In base alle foto che vi ho appena mostrato provenienti dal social network Cinese Weibo, Meizu E3 sarà dotato di alcune particolarità già viste sul recente Meizu M6S. Questo smartphone perderà nuovamente il pulsante mBack, guadagnando il display da 18:9 ed il sensore d’impronte sulla cornice laterale destra, accompagnato dal pulsante d’accensione posizionato poco sopra. Sulla sinistra, invece, saranno presenti i regolatori del volume e lo slot per inserire la SIM e Micro-SD. Infine, sulla cornice inferiore troviamo l’ingresso jack da 3.55 mm per le cuffie, l’ingresso Type-C per la ricarica e scambio dati e l’altoparlante mono.

Per quanto riguarda il suo hardware, è ancora troppo presto e ci sono troppe poche informazioni per fare un quadro quantomeno realistico su ciò che potrà montare. L’unica cosa “quasi certa” sarà la presenza di una SoC MediaTek Helio P70 che sarà protagonista nel momento del suo lancio. Inoltre, non si sa neanche un vera data di presentazione, ma dei rumor informano che ci saranno sorprese subito dopo il MWC 2018 di Barcellona e che il suo prezzo si aggirerà fra i 2000 yuan (circa 255 euro). Voi cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Nuovi rumor vanno ad arricchire Meizu E3 di dettagli

Nuovi rumor vanno a completare l’ipotetico design di Meizu E3 aggiungendo piccoli dettagli e preparandoci alla sua presentazione.

Meizu è adesso al centro dell’attenzione del mondo della telefonia. Dopo il recente annuncio dell’arrivo della certificazione Google sui device Meizu 15, 15 lite ed E3, i rumor sono diventati ancora più aggressivi rivelando ulteriori dettagli su quest’ultimo. Meizu E3, dopo essere apparso in diverse immagini lasciate trapelare da SlashLeaks, va adesso a farsi sempre più reale con una serie di nuove immagini che ci mostrano anche le sue cornici laterali e quella inferiore:

In base alle foto che vi ho appena mostrato provenienti dal social network Cinese Weibo, Meizu E3 sarà dotato di alcune particolarità già viste sul recente Meizu M6S. Questo smartphone perderà nuovamente il pulsante mBack, guadagnando il display da 18:9 ed il sensore d’impronte sulla cornice laterale destra, accompagnato dal pulsante d’accensione posizionato poco sopra. Sulla sinistra, invece, saranno presenti i regolatori del volume e lo slot per inserire la SIM e Micro-SD. Infine, sulla cornice inferiore troviamo l’ingresso jack da 3.55 mm per le cuffie, l’ingresso Type-C per la ricarica e scambio dati e l’altoparlante mono.

Per quanto riguarda il suo hardware, è ancora troppo presto e ci sono troppe poche informazioni per fare un quadro quantomeno realistico su ciò che potrà montare. L’unica cosa “quasi certa” sarà la presenza di una SoC MediaTek Helio P70 che sarà protagonista nel momento del suo lancio. Inoltre, non si sa neanche un vera data di presentazione, ma dei rumor informano che ci saranno sorprese subito dopo il MWC 2018 di Barcellona e che il suo prezzo si aggirerà fra i 2000 yuan (circa 255 euro). Voi cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

La Flyme del vostro Meizu M6 Note non vi piace? Montateci la MIUI 9.2

Uno sviluppatore, probabilmente stanco degli aggiornamenti discontinui della Flyme, ha deciso di installare la MIUI 9.2 sul suo Meizu M6 Note.

Gli smartphone Meizu sono dei dispositivi dotati di un carisma innegabile, di una bellezza ricercata che tanti altri smartphone non riescono ad eguagliare. Le loro curve, la loro solidità e il pulsante mBack (ma anche il Super mBack) donano ad essi una usabilità incredibile, permettendo all’utente di vivere un’esperienza d’uso fra le migliori sul mercato. Ma se sotto il punto di vista estetico c’è poco da lamentarsi, stesso non lo si può dire per quello funzionale. La Flyme, firmware pre-installato su questi dispositivi, ha anch’essa un certo carisma, con le sue icone tonde e le varie gesture. Il problema, come si lamentano in molti, sta negli aggiornamenti e, inevitabilmente, nelle sue funzionalità. Infatti, se da una parte troviamo la comodità nell’utilizzo di questo OS, dall’altro si vede un senso di indignazione per la mancanza di funzionalità ormai presenti su tutti gli altri smartphone della concorrenza.

Un “modder” chiamato 小东Smile ha deciso di far la differenza in questo panorama andando a modificare il suo Meizu M6 Note per far fuori la Flyme 6.3.0.0A che aveva pre-installata…più o meno. Ha scelto di flashare il suo dispositivo in favore dell’installazione di un altro firmware molto noto nel mercato asiativo: la MIUI di Xiaomi, più precisamente nella versione 9.2. Si tratta di una procedura di porting a partire da Xiaomi Mi 5X, smartphone con lo stesso processore di M6 Note e stesso quantitativo di RAM. Sfortunatamente, questo progetto non è stato ancora reso disponibile al pubblico date diverse incompatibilità sia per quanto riguarda la fotocamera che per la batteria. Potete trovare la video testimonianza cliccando su questo link.

Sfortunatamente, lo sviluppatore non ha comunicato il metodo che ha utilizzato per isntallare questa ROM, ma secondo quanto dichiarato da ReaMeizu sembrerebbe esser stato utilizzato FlashFire e nessuno sblocco del BootLoader. Se questa teoria si rivelasse vera, l’installazione della MIUI 9.2 in sostituzione della Flyme sarebbe veramente semplice ed attuabile da tutti. Non ci resta che attendere ancora qualche tempo per scoprire come andrà avanti questa sperimentazione. Voi cosa ne pensate?

La Flyme del vostro Meizu M6 Note non vi piace? Montateci la MIUI 9.2

Uno sviluppatore, probabilmente stanco degli aggiornamenti discontinui della Flyme, ha deciso di installare la MIUI 9.2 sul suo Meizu M6 Note.

Gli smartphone Meizu sono dei dispositivi dotati di un carisma innegabile, di una bellezza ricercata che tanti altri smartphone non riescono ad eguagliare. Le loro curve, la loro solidità e il pulsante mBack (ma anche il Super mBack) donano ad essi una usabilità incredibile, permettendo all’utente di vivere un’esperienza d’uso fra le migliori sul mercato. Ma se sotto il punto di vista estetico c’è poco da lamentarsi, stesso non lo si può dire per quello funzionale. La Flyme, firmware pre-installato su questi dispositivi, ha anch’essa un certo carisma, con le sue icone tonde e le varie gesture. Il problema, come si lamentano in molti, sta negli aggiornamenti e, inevitabilmente, nelle sue funzionalità. Infatti, se da una parte troviamo la comodità nell’utilizzo di questo OS, dall’altro si vede un senso di indignazione per la mancanza di funzionalità ormai presenti su tutti gli altri smartphone della concorrenza.

Un “modder” chiamato 小东Smile ha deciso di far la differenza in questo panorama andando a modificare il suo Meizu M6 Note per far fuori la Flyme 6.3.0.0A che aveva pre-installata…più o meno. Ha scelto di flashare il suo dispositivo in favore dell’installazione di un altro firmware molto noto nel mercato asiativo: la MIUI di Xiaomi, più precisamente nella versione 9.2. Si tratta di una procedura di porting a partire da Xiaomi Mi 5X, smartphone con lo stesso processore di M6 Note e stesso quantitativo di RAM. Sfortunatamente, questo progetto non è stato ancora reso disponibile al pubblico date diverse incompatibilità sia per quanto riguarda la fotocamera che per la batteria. Potete trovare la video testimonianza cliccando su questo link.

Sfortunatamente, lo sviluppatore non ha comunicato il metodo che ha utilizzato per isntallare questa ROM, ma secondo quanto dichiarato da ReaMeizu sembrerebbe esser stato utilizzato FlashFire e nessuno sblocco del BootLoader. Se questa teoria si rivelasse vera, l’installazione della MIUI 9.2 in sostituzione della Flyme sarebbe veramente semplice ed attuabile da tutti. Non ci resta che attendere ancora qualche tempo per scoprire come andrà avanti questa sperimentazione. Voi cosa ne pensate?

NOKIA 7 Plus avrà lenti Carl Zeiss e Snapdragon 660

Interessanti rumor vanno a creare un quadro completo di uno dei prossimi smartphone Nokia prodotti da HMD Global: Nokia 7 Plus.

HMD Global sta dando decisamente il suo meglio per far tornare il nome NOKIA ai suoi vecchi splendori, dopo il periodo deludente ottenuto con Windows Phone. Adesso, dopo esserci congratulati con la casa per aver rilasciato l’aggiornamento ad Android Oreo su Nokia 8 nel tempo previsto, si sta preparando alla presentazione di tre suoi nuovi smartphone nel mercato europeo, due inediti e l’altro non più di tanto. Del terzo ve ne abbiamo già parlato in un nostro articolo dedicato: sto parlando di NOKIA 6 versione 2018. Questo smartphone, già presentato e messo in vendita in Cina a quasi un mese da oggi, farà il suo debutto in Europa il 25 febbraio in occasione del Mobile World Congress 2018 di Barcellona.

Se di questo sappiamo già tutto, ancora qualche incognita la troviamo nel secondo dispositivo: Nokia 7 Plus. Questo dovrebbe essere presentato assieme al suo fratello Nokia 7 e rappresenterà la fascia media per questo brand. Nelle ultime ore, il sito Web ITHome ha rilasciato diverse informazioni su questo smartphone. Sembrerebbe infatti che il dispositivo erediterà diverse caratteristiche dal Top di Gamma per cercare di diventare il re di questa faccia di mercato. L’elemento principale che verrà ereditato sono le lenti che saranno nuovamente Carl Zeiss, ma con sensori diversi. In questo caso troviamo una Dual camera posteriore da 12+13 MPx ed una fotocamera anteriore da ben 16 MPx. Ad accompagnare il comparto fotografico troveremo un comparto audio con l’audio spaziale a 360° (OZO) e 3 microfoni ed una ricarica rapida 9V/2A. Inoltre, sarà dotato di un display 18:9 da 6 pollici, il primo per il brand.

Passando a parametri più “tecnici”, ci viene incontro un report pubblicato da GeekBench in data 26 Gennaio 2018 dal quale possiamo capire processore e la RAM:

Nokia 7 Plus Geekbench

In questo report troviamo che il processore a far girare questo dispositivo sarà un Qualcomm Octa-Core da 1.84 GHz (quasi sicuramente uno Snapdragon 660) e la memoria RAM da 4 GB. Per quanto riguarda la memoria interna, molto probabilmente sarà 32 GB / 64 GB come Nokia 6 (2018). Siete pronti per la presentazione di questo smartphone? Ditecelo nei commenti!

NOKIA 7 Plus avrà lenti Carl Zeiss e Snapdragon 660

Interessanti rumor vanno a creare un quadro completo di uno dei prossimi smartphone Nokia prodotti da HMD Global: Nokia 7 Plus.

HMD Global sta dando decisamente il suo meglio per far tornare il nome NOKIA ai suoi vecchi splendori, dopo il periodo deludente ottenuto con Windows Phone. Adesso, dopo esserci congratulati con la casa per aver rilasciato l’aggiornamento ad Android Oreo su Nokia 8 nel tempo previsto, si sta preparando alla presentazione di tre suoi nuovi smartphone nel mercato europeo, due inediti e l’altro non più di tanto. Del terzo ve ne abbiamo già parlato in un nostro articolo dedicato: sto parlando di NOKIA 6 versione 2018. Questo smartphone, già presentato e messo in vendita in Cina a quasi un mese da oggi, farà il suo debutto in Europa il 25 febbraio in occasione del Mobile World Congress 2018 di Barcellona.

Se di questo sappiamo già tutto, ancora qualche incognita la troviamo nel secondo dispositivo: Nokia 7 Plus. Questo dovrebbe essere presentato assieme al suo fratello Nokia 7 e rappresenterà la fascia media per questo brand. Nelle ultime ore, il sito Web ITHome ha rilasciato diverse informazioni su questo smartphone. Sembrerebbe infatti che il dispositivo erediterà diverse caratteristiche dal Top di Gamma per cercare di diventare il re di questa faccia di mercato. L’elemento principale che verrà ereditato sono le lenti che saranno nuovamente Carl Zeiss, ma con sensori diversi. In questo caso troviamo una Dual camera posteriore da 12+13 MPx ed una fotocamera anteriore da ben 16 MPx. Ad accompagnare il comparto fotografico troveremo un comparto audio con l’audio spaziale a 360° (OZO) e 3 microfoni ed una ricarica rapida 9V/2A. Inoltre, sarà dotato di un display 18:9 da 6 pollici, il primo per il brand.

Passando a parametri più “tecnici”, ci viene incontro un report pubblicato da GeekBench in data 26 Gennaio 2018 dal quale possiamo capire processore e la RAM:

Nokia 7 Plus Geekbench

In questo report troviamo che il processore a far girare questo dispositivo sarà un Qualcomm Octa-Core da 1.84 GHz (quasi sicuramente uno Snapdragon 660) e la memoria RAM da 4 GB. Per quanto riguarda la memoria interna, molto probabilmente sarà 32 GB / 64 GB come Nokia 6 (2018). Siete pronti per la presentazione di questo smartphone? Ditecelo nei commenti!

Meizu E3, 15 e 15 Lite ricevono la certificazione Google

Meizu E3, 15 e 15 Lite ricevono la certificazione Google preparandoci così al loro debutto.

Come già detto nei precedenti articoli, il 2018 rappresenterà un anno di svolta per l’azienda cinese Meizu. Questa, infatti, in occasione del suo quindicesimo anno di attività presenterà una serie di nuovi smartphone che, oltre ad avere processori inattesi come quelli Qualcomm, saranno tutti dotati della certificazione Google per essere pronti Out Of The Box anche nel nostro paese. Se già abbiamo visto un esempio con la messa in vendita in Italia di Meizu M6 Note, adesso si scoprono tre altri modelli che si stanno preparando al loro debutto.

Gli smartphone che vi sto per elencare non sono ancora stati presentati ufficialmente dalla casa, ma lo saranno nei mesi a seguire. Andando a leggere la lista dei dispositivi mobili con la certificazione Google rilasciata dall’azienda stessa, ci imbattiamo in Meizu E3, 15 e 15 Lite:

Le colonne sono: Retail Branding, Marketing Name, Device, Model.

Se per i due modelli 15 le info sono ancora poche e sappiamo solo che verranno presentati verso la primavera di quest’anno ed un po’ il loro design, stessa cosa non si può dire per E3, smartphone trattato recentemente nel nostro  articolo. Tutti questi device rappresenteranno un punto di svolta per l’azienda, sperando in aggiornamenti più costanti e ottimizzazione maggiore per il nostro paese, tutti con display da 18:9 e probabilmente anche processore Qualcomm. Infatti, seppur non confermato ufficialmente il prossimo a debuttare Meizu E3 si pensa che possa essere dotato o di una configurazione con Helio P70 o Snapdragon 660. Ad ogni modo, tutti riusciranno certamente a soddisfare l’utenza italiana ed europea. Voi cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Xiaomi Mi 6X: avvistato il suo case in un negozio in Cina

Novità di poche ore fa è stato l’avvistamento in un negozio cinese del case dello Xiaomi Mi 6X, il quale confermerebbe i rumor sul design dello smartphone.

Come sarà fatto il nuovo Xiaomi!

La custodia protettiva vista nel negozio in Cina confermerebbe i rumor che circolano da qualche giorno sulla rete riguardo il modello Mi 6X. A quanto pare avrà due moduli, uno al centro del case che probabilmente ospiterà il sensore di impronte digitali montato sul retro della scocca. Possiamo vedere anche un foro nell’angolo in alto che ospiterà molto probabilmente la fotocamera, anzi, le fotocamere! Secondo le voci di corridoio infatti, le fotocamere posteriori saranno ispirate dal design dell’iPhone X e sarebbero state collocate in direzione verticale.

Cosa sappiamo sullo Xiaomi Mi 6X

Non si sa ancora molto del nuovo smartphone ma stando a quanto visto e sentito su internet il design riprenderà quello dell’iPhone con uno schermo da 5.65″ con un rapporto 18/9 ed una superficie utile del 77%, sotto la scocca avrà probabilmente una CPU da Octa-Core ARM-Cortex da 2.2Ghz e 4 GB di RAM. La memoria parte da 64GB e la batteria avrà una capacità pari a 3100mAh, tutto supportato dal sistema operativo Android 7.0 Nougat, però non ancora confermato. Lo smartphone, inoltre, supporterà le Dual SIM, entrambe di tipo Nano.

 

Il pezzo forte del pacchetto rimane comunque la fotocamera, già risaltata in alcune foto-leak precedenti e quasi confermata dall’immagine antecedente. La risoluzione di quella posteriore è di 12 megapixel, con flash Dual LED: la doppia fotocamera permetterà un autofocus migliore e una migliore personalizzazione della registrazione video, supportati fino 4k. La fotocamera anteriore, invece, sarà da 5 megapixel.

Per confermare i rumor e le fotografie non ci resta soltanto che aspettare il Mobile World Congress, dove lo Xiaomi Mi 6X verrà presentato ufficialmente, assieme a tutti i nuovi smartphone della casa produttrice cinese.

Che cosa ne pensate di questo nuovo nato di casa Xiaomi? Fatecelo sapere con un commento!

Xiaomi Mi 6X: avvistato il suo case in un negozio in Cina

Novità di poche ore fa è stato l’avvistamento in un negozio cinese del case dello Xiaomi Mi 6X, il quale confermerebbe i rumor sul design dello smartphone.

Come sarà fatto il nuovo Xiaomi!

La custodia protettiva vista nel negozio in Cina confermerebbe i rumor che circolano da qualche giorno sulla rete riguardo il modello Mi 6X. A quanto pare avrà due moduli, uno al centro del case che probabilmente ospiterà il sensore di impronte digitali montato sul retro della scocca. Possiamo vedere anche un foro nell’angolo in alto che ospiterà molto probabilmente la fotocamera, anzi, le fotocamere! Secondo le voci di corridoio infatti, le fotocamere posteriori saranno ispirate dal design dell’iPhone X e sarebbero state collocate in direzione verticale.

Cosa sappiamo sullo Xiaomi Mi 6X

Non si sa ancora molto del nuovo smartphone ma stando a quanto visto e sentito su internet il design riprenderà quello dell’iPhone con uno schermo da 5.65″ con un rapporto 18/9 ed una superficie utile del 77%, sotto la scocca avrà probabilmente una CPU da Octa-Core ARM-Cortex da 2.2Ghz e 4 GB di RAM. La memoria parte da 64GB e la batteria avrà una capacità pari a 3100mAh, tutto supportato dal sistema operativo Android 7.0 Nougat, però non ancora confermato. Lo smartphone, inoltre, supporterà le Dual SIM, entrambe di tipo Nano.

 

Il pezzo forte del pacchetto rimane comunque la fotocamera, già risaltata in alcune foto-leak precedenti e quasi confermata dall’immagine antecedente. La risoluzione di quella posteriore è di 12 megapixel, con flash Dual LED: la doppia fotocamera permetterà un autofocus migliore e una migliore personalizzazione della registrazione video, supportati fino 4k. La fotocamera anteriore, invece, sarà da 5 megapixel.

Per confermare i rumor e le fotografie non ci resta soltanto che aspettare il Mobile World Congress, dove lo Xiaomi Mi 6X verrà presentato ufficialmente, assieme a tutti i nuovi smartphone della casa produttrice cinese.

Che cosa ne pensate di questo nuovo nato di casa Xiaomi? Fatecelo sapere con un commento!

Unigram X è pronta a portare Telegram X su Windows 10

Per accompagnare il grande successo riscosso da Telegram X, gli sviluppatori di Unigram hanno deciso di sviluppare un aggiornamento per la loro applicazione.

Nelle ultime settimane, un argomento molto in tendenza è stato il futuro di Telegram e la sua misteriora versione Beta-Client di terze parti chiamata Telegram X. Questa nuova app, ha portato un forte restyling per il social di messaggistica sia su Android che su iOS, introducendo anche nuove interessanti funzioni e molto altro. In questo panorama, però, un sistema operativo è rimasto fuori. Windows 10 e la sua versione Mobile non hanno visto alcuna X relativa a Telegram nello Store lasciando quegli utenti un po’ al privo di tutte le funzionalità in anteprima.

Per risolvere questo problema, gli sviluppatori di Unigram, ve ne abbiamo partato tempo fa, hanno deciso di mettersi al lavoro per sfruttare tutte le API di Telegram X per creare un’aggiornamento per la loro applicazione che verrà chiamata Unigram X. Questa applicazione non sarà rilasciata sullo store, ma sarà proposta come un aggiornamento per l’applicazione attuale. Ecco la dichiarazione che hanno rilasciato sul loro canale telegram:

Cosa c’è dopo: Unigram X

Dall’inizio dell’anno stiamo lavorando a stretto contatto con gli sviluppatori di TDLib per offrirvi la migliore esperienza di Telegram su Windows 10. Siamo orgogliosi di annunciare che il lavoro è quasi finito e che l’app è stata riscritta da zero per garantire prestazioni, stabilità e sicurezza.

Ci siamo dedicati a spoilerare alcune delle chicche che troverai presto nell’app:

  • Ogni chat che apri è ora memorizzata nella cache in modo sicuro sul tuo dispositivo, in modo che tu possa sfogliarli anche quando la connessione Internet non è disponibile.
  • Le chat segrete sono ora completamente supportate: questo ti permette di comunicare con i tuoi amici usando la crittografia end-to-end, anche sul desktop.
    … e molto altro deve venire.

X dovrebbe arrivare entro la fine del mese, come aggiornamento della nostra app attraverso Windows Store. Non vediamo l’ora di condividere con voi la nostra parolona e non vediamo l’ora di sentire il vostro feedback.

Come sempre, gli sviluppatori di terze parti continuano ad impegnarsi per rendere le applicazioni del Microsoft Store (o Windows Store) migliori e performanti…ma quando è che le grandi multinazionali si faranno sentire? Ad ogni modo, gli sviluppatori di Unigram meritano un grande applauso per il lavoro che stanno conducendo rendendo così l’app per Windows 10 e – soprattutto – l’app per Windows 10 Mobile al pari con quella degli altri sistemi operativi.